Ivan Graziani: Agnese (1979)

Agnese

Se la mia chitarra
Piange dolcemente
Stasera non è sera
Di vedere gente
E i giochi nella strada
Che ho chiusi dentro al petto
Mi voglio ricordare
Io penso ad un barcone
Rovesciato al sole
In un giorno in pieno agosto
Le biciclette in riva al mare
Agnese mi parlava
Nella sabbia infuocata
Ed io non so perché
Non l’ho dimenticata
La la la la la la la la
La la la la la la la
Lei mi raccontava
Di quello che la gente
Diceva del suo corpo
Con malizia ed allegria
Ed io che sto provando
Le cose che provavo ieri
Non ho capito ancora
Se è gelosia
Se sono prigioniero
Di questo cielo nero
E di un ricordo che fa male
E se continuo a bere
I miei liquori inquinati
È vero che quei giorni
Non li ho dimenticati
È uscito un po‘ di sole
Da questo cielo nero
L’inverno cittadino
Sembra quasi uno straniero
Agnese, dolce Agnese
Color di cioccolata
Adesso che ci penso
Non ti ho mai baciata
La la la la la la la la
Agnese, dolce Agnese
Color di cioccolata
Adesso che ci penso
Io vado in bicicletta
Per sentirmi vivo
Alle cinque di mattina
Con la nebbia nei polmoni
Però non c’è più Agnese
Seduta sul manubrio
A cantare canzoni
A cantare canzoni
La la la la la la la la
La la la la la la la

Kommentar verfassen

Trage deine Daten unten ein oder klicke ein Icon um dich einzuloggen:

WordPress.com-Logo

Du kommentierst mit Deinem WordPress.com-Konto. Abmelden /  Ändern )

Google Foto

Du kommentierst mit Deinem Google-Konto. Abmelden /  Ändern )

Twitter-Bild

Du kommentierst mit Deinem Twitter-Konto. Abmelden /  Ändern )

Facebook-Foto

Du kommentierst mit Deinem Facebook-Konto. Abmelden /  Ändern )

Verbinde mit %s